Il sentiero si snoda lungo una faggeta che lascia penetrare al suo interno altre specie arboree tipiche delle altitudini più basse come il Carpino nero, l’Orniello, e il Maggiociondolo. Numerose sono inoltre le specie di mammiferi e di uccelli che vi si rifugiano, non è difficile infatti incontrare tracce di lepre, di capriolo e di ghiandaia.