Il primo tratto del sentiero si sviluppa lungo le pendici del Monte Zampa per poi scendere gradatamente verso le sponde del fiume Tenna nel punto più suggestivo del suo corso: l’Infernaccio.
Il percorso offre una grande varietà di ambienti: dal collinare, modellato nel tempo dall’uomo al bosco alto collinare con i suoi profumi e colori e all’avventuroso canyon dell’Infernaccio, culla di leggende e fantasie popolari. La vegetazione, segna in modo chiaro il passaggio tra la fascia alto collinare e quella montana, visibile è infatti come l’ornio-ostrieto lascia il posto alla faggeta. Numerose sono le specie animali che vivono in questi ambienti come il capriolo, il cinghiale, la lepre, la volpe, il gracchio corallino, la ghiandaia.